INDIETRO

2019/08 - Regolamento UE 1912/08 1° gennaio 2020: documenti per provare la vendita

Il 1° gennaio 2020 entrerà in vigore il regolamento Ue 1912/18 che ha individuato i documenti da cui si presume che i beni sono stati spediti o trasportati dal territorio di uno Stato membro ad un altro Stato membro.

La questione della prova delle cessioni intracomunitarie si pone dunque come un punto focale per l'espansione delle imprese all'estero.

Sino ad ora, per le cessioni intraunionali, la prova della non imponibilità in capo al fornitore non era determinata per legge, sicchè nei vari Stati si sono manifestati diversi orientamenti. Con riferimento al panorama nazionale si è individuato come prova primaria il documento di trasporto CMR, per tutte le spedizioni via terra, ovvero i documenti di trasporto tipici (AWB, B/L) per il trasporto aereo e nave.

Il legislatore unionale è intervenuto sul tema con il citato regolamento Eu 1912/18 in cui ha fornito un elenco di documenti considerati validi come prova dell'avvenuta cessione intraunionale, in quanto atti a dimostrare che i beni sono stati spediti o trasportati dallo Stato memro di origine a quello di destinazione. 

Anticipando di fatto il legislatore, l'Agenzia delle Entrate ha già dato pieno riconoscimento alle indicazioni fornite con il citato regolamento.

Per i dettagli in merito consultare il Vostro commercialista.
Vedi anche
 

Allegati contenuti

INIZIO PAGINA

Se non hai risolto il problema, apri un ticket cliccando qui

Responsabilità
Questo documentazione potrebbe presentare parti mancanti o immagini non corrispondenti all'applicazione che, per problemi di tempo, non siamo riusciti ad inserire/aggiornare.
Resta espressamente esclusa qualsiasi responsabilità per danni diretti ed indiretti di qualsiasi natura che l’utente possa, o terzi possano, in alcun modo subire, derivanti dall’uso o dal mancato uso della presente documentazione, della procedura e da errori delle stesse.

Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trascritta o copiata senza il permesso del titolare della privacy di Tesi Informatica srl.