INDIETRO

2019/08 - Fatturazione elettronica: per vitto e alloggio fruitori da indicare in fattura

Senza coincidenza tra il soggetto Iva (per esempio il datore di lavoro) e coloro che usufruiscono delle prestazioni alberghiere o delle somministrazioni di alimenti e bevande (i dipendenti e/o gli amministratori), per detrarre la relativa Iva (anche nel Comune sede di lavoro) è necessario che i dati dei fruitori siano indicati nella fattura intestata al soggetto Iva, ovvero in una "apposita nota ad essa allegata".
La fattura non va cointestata con il fruitore del servizio; questo non è più possibile con la fattura elettronica per limiti tecnici.
Va chiesto quindi all'esercente di inserire i dati dei dipendenti o degli amministratori, di volta in volta, nel file che invierà allo SDI. Si ritiene che basti anche solo il cognome e nome, se così il fruitore è individuabile con precisione poichè dipendente o amministratore dell'azienda.
L'Iva è indetraibile, naturalmente, se la spesa è documentata da scontrino "parlante", da ricevuta fiscale intestata o da documento commerciale.

Come di consueto, per conferme ed approfondimenti in merito Vi invitiamo a contattare il Vostro commercialista.
Vedi anche
 

Allegati contenuti

INIZIO PAGINA

Se non hai risolto il problema, apri un ticket cliccando qui

Responsabilità
Questo documentazione potrebbe presentare parti mancanti o immagini non corrispondenti all'applicazione che, per problemi di tempo, non siamo riusciti ad inserire/aggiornare.
Resta espressamente esclusa qualsiasi responsabilità per danni diretti ed indiretti di qualsiasi natura che l’utente possa, o terzi possano, in alcun modo subire, derivanti dall’uso o dal mancato uso della presente documentazione, della procedura e da errori delle stesse.

Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trascritta o copiata senza il permesso del titolare della privacy di Tesi Informatica srl.